CASI CLINICI‎ > ‎

Toracotomia per piotorace

Spring, cane Setter Inglese mashio di  2 anni, viene riferito alla struttura per pleurite non responsiva alle terapie antibiotiche. 

Spring è molto dimagrito nelle due settimane precedenti e ha gravi difficolta’ respiratorie.

All’esame radiografico presentava abbondante versamento pleurico. 




La centesi rivela la natura purulenta del versamento.

Sul campione vengono eseguiti esami colturali e citologici che rivelano la presenza di batteri anerobi.


In questi casi il primo sospetto è che ci possa essere un corpo estraneo (spring qualche mese prima aveva avuto tosse). 


I corpi estranei vegetali migranti (es.hordeum murinum alias forasacchi) possono entrare dalle vie respiratorie, dalla cute, nelle orecchie (etc..) e giungere in qualsiasi distretto anatomico (anche fino all’aorta addominale) grazie alle setole rigide e alle barbe di cui sono ricoperte che consentono al corpo estraneo vegetale di proseguire in un’unica direzione, dotati di punta contundente e aiutati dai movimenti muscolari del malcapitato. 




Si decide di inserire due drenaggi fissi all’interno del torace per consentire drenaggio continuo del pus. Dopo pochi giorni le radiografie di controllo mettono in evidenza un grave ingrandimento del mediastino caudale (zona tra i due polmoni). Dato che la radiografia non ci consente di distinguere tra una sacca liquida e una lesione tissutale si esegue esame tac.




L’esame tac mette in evidenza un’ abbondante raccolta di liquido nel mediastino, compatibile con pus.






Si decide quindi di eseguire intervento di toracotomia per drenare il liquido e per individuare il corpo estraneo.


Non è stato possibile, nè in tac nè durante la chirurgia, identificare il corpo estraneo poichè la maggior parte delle volte, gli enzimi contenuti nel pus, con il tempo tendono a “digerirlo”.




La chirugia è stata di successo, dopo pochi giorni spring ha potuto togliere i drenaggi e tornare alla sua vita normale.

Spring è  tornato in forma e a due mesi di distanza non ha avuto più nessun problema respiratorio.



l'impagabile ringraziamento di "Spring"