CASI CLINICI‎ > ‎

Pneumotorace spontaneo

Cane maschio 10 anni, incrocio Siberian Husky, di nome River.
Viene portato in visita d'urgenza per difficoltà respiratoria a insorgenza acuta



Viene eseguita una radiografia che mette in evidenza la presenza di aria libera nel torace (penumotorace) che non consente la corretta espansione dei polmoni.





Viene eseguita una centesi toracica per asportare l'aria con immediata risoluzione della sintomatologia.
la radiografia dimostra la presenza di una rossa lesione sferica piena di aria (bolla), che, si presume, abbia generato il pneumotorace.



Si esegue esame tac per identificare la lesione e per escludere la presenza di altre lesioni e per confermare il sospetto diagnostico.

La tac mette in evidenza la presenza di una grossa bolla polmonare: anomalia del tessuto polmonare che si riempie di aria e le pareti si  assottigliano fino a rompersi, generando penumotorace. La lesione è singola.





In corso di tac si opta per l'applicazione di drenaggi toracici fissi dato che, dal primo evento, si sono rese necessarie più centesi a causa delle recidive continue.


Si esegue asportazione del lobo affetto (craniale destro) dall'anomalia e si evidenzia lesione del tessuto alla base della bolla. 








River si riprende bene dopo l'intervento. Ha tenuto il drenaggio per altre 48 ore e i controlli radiologici, fino ad oggi,  non hanno messo più in evidenza pneumotorace.






E' stato inoltre eseguito l'esame istologico della lesione (a cura del Professor M. Tursi dell'Università di Medicina Veterinaria di Torino) che ha confermato la diagnosi di bolla polmonare